TeatroMusica Meliké
Serva Italia

Serva Italia

italiani strana gente

Italia, pizza e mandolino? No certo. Ma qual è l’identità del Bel Paese?
Poeti, scrittori, filosofi e giornalisti raccontano il popolo italiano nel suo
complesso e sofferto cammino. A partire dall’invettiva dantesca, una lucida e appassionata analisi del carattere nazionale che, accanto alle aspre critiche, indica la strada per una rigenerazione morale e civile, per la costruzione di una Storia diversa. Una Storia dove la Costituzione italiana possa essere condivisa e concretamente realizzata.

Giorgio Merati          clarinetto, mandolino
Carlo Mega                testo, recitazione e regia

 

Le classi superiori d’Italia sono le più ciniche di tutte le loro pari nelle altre nazioni. Il popolaccio italiano è il più cinico di tutti i popolacci.

Leopardi

L’Italia, come tutti i popoli, non potrà divenir nazione, non potrà essere ordinata, ben amministrata, forte contro lo straniero, come contro i settari all’interno finché ognuno nella sua sfera non faccia il suo dovere… Ma a fare il proprio dovere ci vuole forza di volontà, e persuasione che il dovere si deve adempiere non perché diverte o frutta, ma perché è dovere; e questa forza di volontà, questa persuasione, è quella preziosa dote che con un solo vocabolo si chiama carattere onde il primo bisogno d’Italia è che si formino italiani dotati di forti e alti caratteri.

D’Azeglio

 

I cittadini italiani si dividono in due categorie: i furbi e i fessi.

Prezzolini

C’era un paese che si reggeva sull’ illecito. […] Avrebbero potuto dunque dirsi unanimemente felici, gli abitanti di quel paese, non fosse stato per una pur sempre numerosa categoria di cittadini cui non si sapeva quale ruolo attribuire: gli onesti.

Calvino

 

Durata: 80 minuti.

Spettatori: massimo 80.

Lascia un commento

Captcha loading...