TeatroMusica Meliké
Odisseo

Odisseo

Il viaggio necessario

Odisseo, l’eroe che molto vagò, che di molti uomini vide e conobbe la mente, sarà un modello per chi è desideroso di sapere, di compiere il viaggio impegnativo e affascinante della conoscenza. Così, nel corso del tempo, da Omero a Dante si erge sempre più luminosa la figura dell’uomo che, spinto dalla curiosità, sopporta le avversità e affronta quel viaggio necessario per essere uomini, quel viaggio che, grazie all'immaginazione tanto cara a Leopardi, può fare spaziare la mente nel mare dell’infinito.

Giorgio Merati flauti, clarinetto, percussioni
Carlo Mega recitazione e regia

 

Spettatori: massimo 80

Durata: 90 minuti

 

Lascia un commento

  1. Natan Mottadelli ha detto:

    I versi recitati in lingua originale, scanditi dal ritmo del tamburo, sono risultati molto più musicali dei versi tradotti in italiano. L’attore era molto bravo: interpretava bene e aveva un tono di voce molto forte. Mi è piaciuto molto l’uso degli strumenti, anche antichi, da parte di uno strumentista molto versatile e comunicativo.
    Natan Mottadelli (II M – Liceo Ciceri, Como)

  2. Beatrice Botta ha detto:

    E’ stato un incontro molto interessante e piacevole: l’attore e lo strumentista sono stati molto coinvolgenti, ho appreso molte cose in ambito musicale e ho anche apprezzato il modo diverso di narrare l'”Odissea”. Grazie ad una recitazione curata e all’uso di vari strumenti gestiti senza far riscontrare la minima difficoltà, l’attore e il musicista sono riusciti a creare un’atmosfera magica.
    Beatrice Botta (III M – Liceo Ciceri, Como)